Aviomar S.r.l. - Manutenzione pompe

 Manutenzione pompe - Equilibratura rotori - Analisi di vibrazione

  
Tel. +39 081 8138021 | Fax. +39 081 8916439

Cosa facciamo

Una gamma completa di prestazioni e servizi di diagnostica e riparazione del macchinario rotante in numerosi settori dell’industria:

  1. Petrolifero
  2. Chimica di processo
  3. Sollevamento di acque potabili e reflue
  4. Depurazione delle acque
  5. Energia
  6. Navale
  7. Automobilistico
  8. Cartiere

Nello specifico effettuiamo i seguenti interventi:

Eseguiamo la manutenzione predittiva e preventiva di pompe, motori elettrici, coclee, centrifughe, turbine, compressori etc... e siamo in grado di intervenire opportunamente per ripristinare le macchine curando presso il ns. stabilimento tutte le fasi dell’intervento, dallo smontaggio, all’approvvigionamento presso le ditte costruttrici della ricambistica occorrente e alla loro costruzione.

Questa metodologia consente di pianificare gli interventi manutentivi ed i relativi costi per ripristinare e conservare con spesa ragionevole l’efficacia delle macchine.

Ridurre radicalmente i rischi di fermate di emergenza, mantenere le macchine in condizioni meccaniche ottimali, significa massimizzare il profitto gestionale assicurandosi una tranquillità di esercizio sorprendente.

L’indagine basilare della manutenzione predittiva è l’analisi di vibrazione, che certifica oltretutto in maniera inequivocabile la qualità del lavoro eseguito ed indica una linea base di valori da confrontare poi periodicamente con quelli che si rilevano nel corso dell’esercizio della macchina stessa.

Compressore centrifugo HV TURBO in manutenzione - Impianto depurazione Salerno
Compressore centrifugo HV TURBO in manutenzione - Impianto depurazione Salerno
 
Girante compressore centrifugo HV TURBO in manutenzione
Girante compressore centrifugo HV TURBO in manutenzione
 
Particolare compressore HV TURBO - Impianto Depurazione - Salerno
Particolare compressore HV TURBO - Impianto Depurazione - Salerno
 
Corpo pompa centrifuga Worthington in manutenzione
Corpo pompa centrifuga Worthington in manutenzione
 
Girante pompa idrovora da 7.500 litri al secondo in manutenzione
Girante pompa idrovora da 7.500 litri al secondo in manutenzione
 
Montaggio girante ad elica di pompa idrovora - Consorzio Destra Sele
Montaggio girante ad elica di pompa idrovora - Consorzio Destra Sele
 
Smontaggio pompa idrovora 7.500 litri al secondo
 
  1. Revisione e manutenzione delle macchine

  1. Menutenzione predittiva

  2. Equilibratura dinamica

  3. Equilibratura in campo

  4. Allineamento laser 

Revisione e manutenzione delle macchine

Ogni macchina richiede interventi mirati a restituirne o spesso incrementarne l’efficienza e l’affidabilità.

È fondamentale analizzare l’inserimento nell’impianto e le reali condizioni di esercizio. Smontaggio, analisi, ricambi, installazione, monitoraggio sono fasi da noi seguite con la massima cura.

La conduzione di una macchina o di un insieme di macchine inserite in un impianto, richiede in primo luogo un monitoraggio attento con modalità che possono variare a seconda della criticità e dell’importanza delle macchine stesse.

In linea generale per una pompa alcuni parametri da monitorare sono i seguenti:

Oltre alle ispezioni semi-annuali ed annuali, agli interventi di routine (ad esempio controllo delle tenute o sostituzione delle baderne, controllo dei lubrificanti e altro) non si possono definire regole generali per la frequenza di una revisione generale di una macchina.

Questo dipende ad esempio dal tipo di servizio che la macchina svolge, dai materiali utilizzati, dal fluido pompato se si tratta di pompa o compressore, dalle ore di marcia.

Va valutato anche il risparmio energetico e l’efficienza ottenuta attraverso il ripristino della macchina, a fronte del costo della revisione.

Facendo l’esempio di una Centrale di sollevamento di acqua, una misura può essere data dal parametro KWh/m3 quando ci riferisce all’energia spesa per sollevare una data portata di acqua in un dato periodo di tempo. Naturalmente tanto minore risulterà questo parametro, tanto più il sistema sarà efficiente.

Revisione di pompe centrifughe (ad esempio Worthington™, Aturia™, KSB™, Garbarino™, Audoli & Bertola™).

Questo tipo di macchine richiede durante la manutenzione il controllo dimensionale e il ripristino dei giochi esistenti tra parti fisse e parti rotanti.

Ciò riguarda essenzialmente elementi come: camicie di protezione albero, bussole sul corpo pompa (cioè dove alloggiano e ruotano le camicie di protezione), anelli di tenuta corpo pompa, anelli di usura giranti.

Accanto a questo è necessario controllare anche gli alloggiamenti dei cuscinetti a rotolamento, l’assialità dell’albero; a seconda dello stato della macchina e del tipo di macchina si prevedono controlli anche agli altri elementi inclusi i supporti, il corpo pompa, il giunto di accoppiamento con il motore o i giunti di accoppiamento tra gli alberi.

In generale è necessario smontare la macchina ed estrarre la parte rotante per poter valutare quali elementi necessitano di essere sostituiti e quindi avere una valutazione del costo della revisione.

È necessario scegliere i materiali di questi ricambi in base alle esigenze del cliente e alle possibili alternative per incrementare la qualità della revisione e prolungare la vita della macchina.

Come è noto oggi si assiste in molti campi ad un decremento della qualità, anche a causa della rincorsa al prezzo più basso.

Noi siamo invece dell’avviso che una macchina di qualità, revisionata con materiali di qualità, sia sempre preferibile ed anche economicamente conveniente.

Manutenzione pompa a cassa divisa, ad asse verticale, con girante a doppia aspirazione
Manutenzione pompa a cassa divisa, ad asse verticale, con girante a doppia aspirazione
 
Gruppo elettropompa centrifuga Worthington in manutenzione
Gruppo elettropompa centrifuga Worthington in manutenzione
 
Montaggio rotore pompa centrifuga Worthington
Montaggio rotore pompa centrifuga Worthington
 
CAD 3D di rotore pompa
CAD 3D di rotore pompa
 

Revisione di pompe sommergibili (ad esempio Flygt™, Turo™, KSB™).

Questo tipo di macchine è molto diffuso soprattutto negli impianti di depurazione.

I problemi di malfunzionamento sono spesso dovuti alle tenute meccaniche, che sono sollecitate a causa della aggressività chimica o per la presenza di sabbia e di corpi estranei nel liquido pompato.

Quando arriva acqua nel circuito statorico del motore si ha facilmente perdita di isolamento elettrico o cortocircuito. Inoltre per gli stessi motivi anche le giranti e gli altri elementi della pompa come i corpi pompa sono sottoposti ad usura.

Per questo ci siamo specializzati per eseguire nella nostra officina la lappatura ed il controllo di planarità delle tenute meccaniche ed ottenere quindi un vantaggio economico per il cliente, se si pensa che, soprattutto su macchine di taglia importante, delle tenute meccaniche, ad esempio in carburo di tungsteno anticorrosione, possono costare migliaia di Euro.

Il rischio che molti manutentori (e quindi molti clienti) corrono nel manutenere questo tipo di macchine, è di limitarsi frettolosamente a sostituire il kit di ricambi fornito dalla casa costruttrice saltando una fase fondamentale che è quella della verifica dimensionale, visiva e talvolta se è il caso anche più approfondita a tutti gli elementi della macchina.

Rigenerazione tramite saldatura TIG di girante aperta pompa Flygt
Rigenerazione tramite saldatura TIG di girante aperta pompa Flygt
 

Revisione pompe sommerse (ad esempio Aturia™, Caprari™, Grundfoss™, Saer™).

Le pompe sommerse hanno naturalmente il loro punto debole nei cavi e soprattutto nelle giunzioni dei cavi sommergibili.

Vale per queste macchine quanto già detto per le pompe centrifughe di superficie, per quanto riguarda i controlli dimensionali ed il ripristino di tutti gli elementi della macchina.

La nostra filosofia è sempre stata quella di dedicarci alla parte meccanica; per il riavvolgimento dei motori di questo tipo di macchine e per tutti i casi nei quali c’è bisogno di un riavvolgimento dello statore del motore elettrico, ci affidiamo ad aziende con le quali collaboriamo da molti anni, per garantire un servizio ottimale.

Pompa sommersa in manutenzione
Pompa sommersa in manutenzione
 
Montaggio pompa sommersa in bronzo
Montaggio pompa sommersa in bronzo
 

Revisione decanter (centrifughe) ad esempio: Alfa Laval™, Pieralisi™, Guinard™, Andritz™.

Questo tipo di macchine ha un funzionamento molto particolare; infatti vi sono elementi che ruotano a velocità diverse, cioè il tamburo (all’esterno) e la coclea (all’interno).

Generalmente vi sono due motori di azionamento ed un riduttore (gearbox) di tipo epicicloidale. Il fluido in ingresso, che per gli impianti di depurazione dove il decanter viene usato è fango, viene disidratato dall’azione della forza centrifuga, quindi la frazione liquida viene espulsa attraverso aperture ad una estremità della macchina, mentre il prodotto disidratato attraverso apposite luci di scarico.

I problemi principali che bisogna affrontare sono diversi: in primo luogo l’usura dei componenti e delle tenute. Bisogna considerare che il fango, che può risultare chimicamente molto aggressivo, viene proiettato violentemente durante il funzionamento.

Spesso, specie se non c’è un’attenta analisi delle condizioni di funzionamento e della conduzione, si verificano alte vibrazioni specie nei transitori di avviamento e di arresto.

Anche su queste macchine abbiamo esperienza di numerose manutenzioni effettuate.

Decanter (centrifuga) Guinard in manutenzione - Impianto di Marcianise
Decanter (centrifuga) Guinard in manutenzione - Impianto di Marcianise
 
Riduttore decanter Guinard in manutenzione
Riduttore decanter Guinard in manutenzione
 
Coclea di decanter Guinard in manutenzione
Coclea di decanter Guinard in manutenzione
 
Manutenzione decanter (centrifuga) DDS per servizio disidratazione fanghi
Impianto di depurazione di Salerno
 
Tamburo Centrifuga DDS in equilibratura - Impianto di depurazione Salerno
 

Manutenzione valvole di regolazione (Masoneilan ™, Parcol™, Flowserve™).

Un settore importante della nostra attività, in particolare per il settore Oil & Gas:

Otturatore valvola di regolazione Masoneilan con riporto in stellite in lavorazione
Otturatore valvola di regolazione Masoneilan con riporto in stellite in lavorazione
 
Otturatore valvola Masoneilan in lavorazione
Otturatore valvola Masoneilan in lavorazione
 
Revisione valvola di regolazione Masoneilan
Revisione valvola di regolazione Masoneilan
 
Lavorazione di corpo valvola al tornio per ripristino flangia
Lavorazione di corpo valvola al tornio per ripristino flangia
 
Valvola Masoneilan da 6 inches proveniente da Impianto raffineria
Valvola Masoneilan da 6 inches proveniente da Impianto raffineria
 
Ricambi valvola Masoneilan da 6 inches proveniente da Impianto raffineria
Ricambi valvola Masoneilan da 6 inches proveniente da Impianto raffineria
 
Montaggio valvola Masoneilan da 6 inches proveniente da Impianto raffineria
Montaggio valvola Masoneilan da 6 inches proveniente da Impianto raffineria
 

Revisione riduttori (Flender™/Siemens™, Bonfiglioli™, SEW™, Gears™, Elli™, DDS™).

Dai riduttori dei gruppi coclea degli impianti di depurazione, ai gearbox delle centrifughe ed ai riduttori per le varie macchine.

Revisioniamo, sostituiamo/ricondizioniamo i componenti.

Lavorazione al tornio albero ingranaggio riduttore
Lavorazione al tornio albero ingranaggio riduttore
 
Revisione riduttore gruppo coclea - Impianto di depurazione di Salerno
Revisione riduttore gruppo coclea - Impianto di depurazione di Salerno
 
Montaggio riduttore revisionato
Montaggio riduttore revisionato
 

Manutenzione predittiva

Il principio basilare della manutenzione predittiva è di tenere sotto controllo alcuni parametri che possono prevenire i rischi di rotture, fermate di emergenza, manutenzioni non necessarie.

Ad esempio un parametro da tenere sotto controllo è la temperatura dei cuscinetti, che naturalmente in molte macchine è monitorato da un quadro di controllo con soglie di allarme impostate.

Ma anche se la temperatura è nella norma, una corretta analisi di vibrazioni (eseguita controllando un apposito parametro che denota lo stato del cuscinetto) ci potrà dare indicazioni utili a prevenire guasti maggiori, e intervenire a sostituire il cuscinetto in questione.

Gli obiettivi da realizzare sono, tra gli altri:

Analisi delle vibrazioni

Per avere risultati concreti non basta misurare il livello di vibrazione, occorre analizzare lo “spettro” cioè le frequenze alle quali si verificano le vibrazioni.

Ad esempio bisogna effettuare analisi di fase per individuare altri problemi della macchina in base all’esperienza dell’operatore, come:

Dagli anni ’90 ci occupiamo di Analisi di Vibrazione e di Manutenzione predittiva presso primarie Società e Gestori di Sollevamento Acque, di Impianti di trattamento dei reflui, Raffinerie e Impianti industriali, e affrontiamo i problemi più svariati che possono interessare le macchine rotanti.

Molti conduttori di impianti infatti sanno che non basta acquistare uno strumento analizzatore per poter eseguire questa attività ma è necessaria dedicarvi esperienza specifica e passione.

Analisi di vibrazione su pompa Worthington
Analisi di vibrazione su pompa Worthington
 

Equilibratura dinamica

Con due macchine bilanciatrici a supporti rigidi SCHENCK™ equilibriamo presso la nostra officina rotori fino a 3.400 mm di diametro e 20.000 Kg di peso presso la nostra sede ad Orta di Atella (CE).

A valle dell’equilibratura emettiamo un Certificato redatto in base alla norma ISO 1940 “Balance Quality of rotating rigid bodies”.

Utilizziamo strumenti analizzatori a bordo delle macchine di ultima generazione, sempre di costruzione Schenck™.

C’è da precisare che questi strumenti utilizzano software proprietario, progettato per queste macchine equilibratrici; non un sistema operativo come quello dei PC che può andare in crash da un momento all’altro.

L’affidabilità e la precisione di queste macchine è ben conosciuta a livello internazionale.

Equilibratura di giranti per pompa idrovora da 7.500 litri al secondo
Equilibratura di giranti per pompa idrovora da 7.500 litri al secondo
 
Equilibratura stampo per fusoliere aeronautiche in fibre di carbonio
Equilibratura stampo per fusoliere aeronautiche in fibre di carbonio
 
Equilibratura girante pulper per cartiera
Equilibratura girante pulper per cartiera
 
Equilibratura dinamica di indotto di alternatore, bilanciato con macchine a supporti rigidi di costruzione “SCHENCK” e analizzatore digitale di ultima generazione
Equilibratura dinamica di indotto di alternatore destinato ad una centrale idroelettrica, bilanciato con
macchine a supporti rigidi di costruzione “SCHENCK” e analizzatore digitale di ultima generazione
 
Girante a doppia aspirazione di pompa centrifuga Rotos-Aturia in equilibratura
Girante a doppia aspirazione di pompa centrifuga Rotos-Aturia in equilibratura
 
Indotto alternatore in equilibratura
 

Un po' di teoria? Equilibratura statica ed equilibratura dinamica

Durante la rotazione di un qualsiasi rotore, si generano una forza ed una coppia d’inerzia, rotanti col rotore, che costituiscono le principali cause di vibrazioni indesiderate.

Infatti anche se un rotore è progettato per ruotare intorno ad un asse centrale d’inerzia, in realtà ciò non succede; sia a causa di errori di lavorazione, sia a causa di distorsioni nel montaggio, accumulo delle tolleranze di lavorazione dei singoli elementi, imperfezioni dei pezzi ricavati da semilavorati ottenuti per fusione.

Nel corso del tempo inoltre si verificano accumuli non uniformi di materiali estranei, ad esempio sui ventilatori, oppure consumi dovuti all’erosione o alla cavitazione come nelle giranti di pompe o ancora deformazioni conseguenti ad urti accidentali.

Ogni rotore di una macchina, cioè la parte rotante di una pompa, turbina, compressore assiale o centrifugo, motore elettrico, necessita quindi di essere equilibrato quando viene realizzato e anche periodicamente durante i controlli di manutenzione o in caso di riparazioni e/o sostituzioni di elementi.

Anche per tutti gli organi o sistemi meccanici rotanti, tra i quali i volani, gli alberi a gomito delle macchine alternative, le eliche per la propulsione navale e così via, vale lo stesso principio.

Tra gli effetti indesiderati delle vibrazioni dovute allo sbilanciamento, vi sono l’usura dei cuscinetti e delle tenute, le rotture per fenomeni di fatica, le vibrazioni delle strutture di sostegno della macchina e la rumorosità.

L’equilibratura deve quindi ridurre lo sbilanciamento fino a portarlo al di sotto di un certo valore fissato dalle norme (sbilanciamento residuo) che dipende dal tipo di uso dell’organo rotante.

Nel caso di equilibratura dinamica, vi saranno due valori, nei due distinti piani di correzione, che misureranno l’entità dello sbilanciamento espresso in g mm/Kg.

Un rotore è staticamente sbilanciato quando ruota intorno ad un asse non baricentrico mentre si dice dinamicamente sbilanciato se ruota intorno ad un asse baricentrico ma non centrale d’inerzia.

Questo significa che lo sbilanciamento statico può essere evidenziato tramite una prova statica, senza mettere il rotore in rotazione (ad esempio appoggiandolo su due appoggi a rulli che ruotano folli, esattamente come quelli di una macchina bilanciatrice). La forza peso del rotore tende a portare il rotore stesso nella posizione di equilibrio stabile, cioè con il baricentro disposto in basso sulla verticale; raggiunto l’equilibrio il rotore si ferma perché il momento della forza peso si annulla.

Ma cosa succede se facciamo la stessa prova con un rotore sbilanciato dinamicamente? Non noteremo alcun sbilanciamento attraverso la prova statica, perché il rotore resterà, portato in una qualsiasi posizione angolare, in equilibrio indifferente.

Ma se si mette in rotazione il rotore, interviene una coppia d’inerzia rotante che provoca vibrazioni.

Questa coppia è tanto più elevata quanto maggiore è la lunghezza del rotore rispetto al diametro; infatti quando un rotore può essere approssimato ad un disco, il braccio della coppia d’inerzia rotante, essendo piccolo, è trascurabile e di conseguenza lo sbilanciamento è di natura statica e agisce con una forza centrifuga.

Generalmente equilibriamo, ad esempio, le giranti di pompe come prescritto dalle norme API (American Petroleum Institute) con maggiore precisione rispetto al G 6.3 prescritto dalla ISO 1940.

Ad esempio, un rotore di turbo compressore ruotante a 9.000 g/min dovrà essere equilibrato al grado G 2.5 mentre un tamburo trituratore al grado G 16.

I gradi di precisione son tabellati nel seguente modo:

Grado di Equilibratura G [mm/s] Tipo di rotore
0.4 Giroscopi.
Mandrini, dischi e indotti di rettifiche di alta precisione.
1.0 Indotti di piccoli motori veloci, con elevate esigenze di equilibratura.
Rotori di giradischi, registratori.
Azionamenti di rettifiche di alta precisione.
2.5 Rotori di turbine a vapore e a gas, turboalternatori, turbosoffianti, turbopompe.
Turbine di propulsione di navi mercantili.
Indotti di motori medi e grandi con elevate esigenze di equilibratura.
Indotti di piccoli motori con buona esigenza di equilibratura.
Indotti di motori non compresi nelle condizioni specificate per il grado 6.3.
Azionamenti di macchine utensili.
6.3 Indotti di piccoli motori elettrici, prodotti in serie, in applicazioni non sensibili alle vibrazioni oppure con montaggio con antivibranti.
Indotti di medi e grandi motori elettrici (con altezza dell’albero di almeno 80 mm) senza speciali esigenze.
Macchine utensili e parti di macchine utensili e di macchine in generale.
Parti veloci di macchine operatrici, ceste di centrifughe.
Volani, ventilatori, pompe centrifughe.
Ingranaggi di riduttori di turbine marine di propulsione di navi mercantili.
Cilindri e rulli per macchine da stampa.
Rotori uniti a turbine a gas per l’aeronautica.
Parti staccate di macchine con elevate esigenze.
16 Alberi di trasmissione, alberi cardanici con elevate esigenze di equilibratura.
Parti di macchine agricole, di macchine molitorie, trebbiatrici.
Parti di motori per vetture, autocarri, locomotori (a benzina o diesel).
Alberi a gomito completi di volano e frizione a sei o più cilindri con elevate esigenze di equilibratura.
40 Ruote e cerchi di ruote per autovetture.
Alberi di trasmissione e assali completi di autoveicoli.
Alberi a gomito completi di volani e frizioni di motori a 4 tempi con 6 o più cilindri montati elasticamente, con velocità del pistone superiore a 9 m/s.
Alberi a gomito completi di volani e frizioni di motori per vetture, autocarri e locomotive.
100 Alberi a gomito completi di motori diesel con 6 o più cilindri con velocità del pistone superiore a 9 m/s.
Motori completi di autoveicoli e locomotive.
250 Alberi a gomito completi di motori diesel a 4 cilindri, montati rigidamente con velocità del pistone superiore a 9 m/s.
630 Alberi a gomito completi di grandi motori montati rigidamente a 4 tempi.
Alberi a gomito completi di motori diesel marini montati elasticamente.
1600 Alberi a gomito completi di grandi motori a due tempi montati rigidamente.
4000 Alberi a gomito completi di motori diesel marini, montati rigidamente, con qualsiasi numero di cilindri, con velocità dei pistoni inferiore a 9 m/s.

 

Equilibratura in campo

L’equilibratura in campo (sul posto) è necessaria quando si hanno macchine non facilmente smontabili o in caso di rapide fermate di manutenzione degli impianti.

Così come per l’equilibratura in officina, eseguiamo questa attività con analizzatori di grande affidabilità anche in luoghi con pericolo di esplosione (ATEX) con possibilità di acquisire immediatamente una stampa delle registrazioni effettuate.

L’attività viene svolta su grosse ventole, apparecchiature a bordo di navi come alternatori, motori elettrici, separatori di cementifici, eccetera.

Equilibratura in campo soffiante Chicago Blowers - Centrale elettrica SET SpA Teverola
Equilibratura in campo soffiante Chicago Blowers - Centrale elettrica SET SpA Teverola
 
Equilibratura in campo ventilatore - Impianto verniciatura FCA Melfi
 

Allineamento Laser

Un corretto allineamento di due o più macchine è necessario per prevenire danni ed usura prematura di cuscinetti, giunti e tenute.

Poiché il disallineamento è una delle principali cause di rottura, utilizziamo strumentazione Laser per misurare, allineare e documentare con precisione.

Si possono rilevare diverse condizioni quali:

Allineamento Laser gruppo elettropompa Worthington
Allineamento Laser gruppo elettropompa Worthington

 

 

Menu Home Page

 

Torna a inizio pagina

Contatti Aviomar S.r.l. - Caserta - Napoli

Vai al menu

Home Page - Aviomar S.r.l. - Manutenzione macchine rotanti

Vai alle F.a.q. di Aviomar S.r.l.